Focus & flow

There is one aspect of happiness that’s been well studied, and it’s the notion of flow. Ask yourselves, when for you does time stop? When are you truly at home, wanting to be no place else?
(M. Seligman)

Qualcuno la chiama “golden hour” (ma non è l’alba né il tramonto dei fotografi), alcuni sportivi la chiamano “the zone”. È quel momento (che può durare anche parecchie ore), in cui entriamo nel flow, uno stato mentale e fisico in cui siamo completamente concentrati, una cosa sola con l’azione che stiamo svolgendo.
Il centometrista ai blocchi di partenza, in tensione totale, una cosa sola con la pista, pura tensione dai chiodi delle scarpe alla punta capelli; il lettore mentre è immerso nel suo romanzo e non ha orecchi né occhi per tutto quello che succede attorno; l’artigiano mentre intaglia il legno e dimentica completamente di dover mangiare; il bambino sul tappeto che gioca con i lego e la mamma lo deve chiamare dieci volte per cena.
È quello stato di focalizzazione assoluta, lontano da ogni distrazione, frutto di un lavoro di preparazione e dell’abitudine a concentrarsi e lavorare intensamente.

Può succedere anche nello studio. Basta organizzarsi, scegliere uno luogo adatto e un tempo minimo, almeno un’ora di fila (e senza cellulare, non raccontiamocela…).
E il bello è che funziona. E che si prova una gioia profonda, piacere puro, a dimenticarsi di sé e di tutto, dare il massimo e stare dentro le cose che stai facendo.
Farle e farle bene, un assaggio di felicità direbbe Seligman.

Non mollare!

Uno studente mi ha confidato una volta che durante l’ultima sessione d’esame ha guardato questo video ogni mattina appena sveglio per “caricarsi per lo studio”.
Marco Montemagno non direbbe mai di se stesso di essere un motivatore, ma tant’è… è un video che mi capita spesso di usare durante le presentazioni parlando di habits, perseveranza, grit… e un gruppo di liceali mi ha addirittura promesso una volta di registrarne una versione remixata. Sono ancora in attesa di ascoltarla su youtube, ma intanto, consiglio a tutti l’originale, dai 12 anni in su.

Come si cambia il mondo?

Le cose piccole fanno la differenza. Anche quando sei impegnato in missioni da cui dipende davvero qualcosa di grande. E se vuoi cambiare il mondo, inizia da qui: metti in ordine qualcosa ogni giorno. Ogni giorno. Ogni giorno… sì, anche oggi.

È la storia che racconta l’ammiraglio William H. McRaven in questo video che da anni fa il giro del mondo. Un consiglio semplice e potente, per adolescenti, bambini, mamme, papà, sognatori e umani in generale.

Apri il link in YouTube

Social e smartphone secondo Simon Sinek

Direste mai a un figlio in crisi di farsi una bella bevuta per sentirsi meglio?
Uno sguardo brillante all’impatto dei social e dei cellulari sulle nostre relazioni e sul lavoro. 18 minuti da non perdere. Intelligente, educativo ma soprattutto incollato alla realtà.

ps. Simon Sinek è un consulente di marketing e uno dei più noti speaker mondiali ospiti di TED.

Clicca qui per aprire il video su You Tube

Grinta

Sto preparando una conferenza per genitori sugli habits e ce n’è uno che in molti ritengono sia il segreto di una vita equilibrata, serena, costruttiva, qualcuno azzarda persino… felice.

È la grinta, sinonimo di:
perseveranza
costanza
determinazione
fedeltà
tenacia
assiduità
caparbietà
fermezza
stabilità
fortezza.

Consiglio questo TED, breve breve, per farsi un’idea di quello che oggi potrebbe servire in tutti i contesti educativi, famiglia, scuola, sport, …

Apri in TED